Un detenuto italiano si è suicidato nel carcere di Terni, impiccandosi. A denunciarlo il sindacato della polizia penitenziaria Sarap. Secondo quale “nonostante le fulminee cure e intervento dei colleghi e dei sanitari non si riesce a sventare l’evento critico”.

“La grave carenza di personale che quotidianamente vive la polizia penitenziaria, porta ad una gestione preoccupante e poco attenta dell’utenza, nonostante i tanti sacrifici messi in atto dal personale durante l’espletamento dei propri compiti istituzionale, nella stragrande maggioranza dei casi rende impossibilitato il personale a sventare tali eventi critici” afferma il segretario nazionale Esposito Roberto.

“Piena solidarietà al collega che si è trovato a gestire tale situazione vedendosi inerme dinanzi ad una situazione, che andrà a segnare la propria carriera lavorativa e personale” aggiunge.

Potresti leggere

Caso Regeni, a processo 4 militari egiziani per sequestro e omicidio

Verranno processati i quattro 007 egiziani accusati del sequestro e dell’omicidio di…

Carcere e giustizia, pene alternative per condanne inferiori ai 4 anni

“L’attuazione della delega per il processo penale, i cui decreti legislativi sono…

Csm, nuova bufera: scatta l’inchiesta per la divulgazione di documenti segreti

Una nuova bufera rischia di coinvolgere il Csm e riguarda atti giudiziari…