“Mattinata da incubo” per gli agenti della polizia penitenziaria nel carcere di Cagliari. Lo denuncia il Sappe. “Un detenuto algerino, fisicamente prestante e facinoroso, già recidivo per atti di violenza nel carcere di Udine, è uscito dalla cella con la scusa di telefonare ai propri familiari e si è autolesionato il corpo davanti al box agenti, spargendo di sangue tutta la rotonda – fa sapere il sindacato – Il personale di Polizia Penitenziaria è riuscito a calmarlo e farlo rientrare in cella ma, subito dopo, il detenuto ha iniziato a danneggiare gli arredi della stanza, minacciando di morte chiunque si avvicinasse. Nel contempo, ha messo a bollire in una pentola dell’olio, lamette e del peperoncino, si è armato di bastoni rudimentali abbastanza affilati e ha cercato lo scontro coi poliziotti, alcuni dei quali, nelle operazioni di contenimento, hanno riportato le lesioni dai 3 ai 7 giorni di prognosi”.

Secondo il segretario regionale per la Sardegna del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Luca Fais, “prosegue inarrestabile la spirale di violenza nelle carceri italiane, dove non passa giorno in cui non si registrino gli episodi violenti ed eventi critici”.

Donato Capece, segretario generale del Sappe esprime “vicinanza e solidarietà ai poliziotti” di Cagliari ed evidenzia “come e quanto sia importante e urgente prevedere un nuovo modello custodiale. Le donne e gli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria non possono continuare ad essere aggrediti o a trovarsi costantemente in situazioni di alta tensione senza che il Ministero della Giustizia ed il Dap adottino provvedimenti urgenti. Siamo al collasso”.

Potresti leggere

Milano, operaio fa un volo di 15 metri e muore: trovato nel cortile di un palazzo

Ancora una morte bianca in Italia. Un operaio e’ morto, questo lunedì…

Blitz contro la camorra, duro colpo a due gruppi criminali del Napoletano: 26 arresti

Vasta operazione dei carabinieri del Comando Provinciale di Napoli che nella notte…

Traghetto in fiamme, trovato vivo un passeggero disperso: “Avevo già inviato un sms di addio”

Trovato un passeggero disperso. L’uomo è ancora vivo dopo l’incendio del traghetto Grimaldi sulla rotta Italia – Grecia