“A Berlusconi continuo a volergli bene ma subisco invettive personali anche feroci da lui e dal suo ambiente”. E lo sfogo di Renato Brunetta, il ministro della Pubblica Amministrazione che dopo le dimissioni del premier Mario Draghi ha annunciato il suo addio a Forza Italia.

“Con Berlusconi si è rotto qualcosa, è finita” ha spiegato nel corso di “Mezz’ora in più” condotto da Lucia Annunziata su Rai 3. Brunetta riporta alcune frasi offensive pronunciate nei suoi confronti da esponenti del partito azzurro e in particolare da Marta Fascina, compagna di Berlusconi. Se quest’ultimo infatti ha salutato l’addio del ministro e di Maria Stella Gelmini con un lapidario “che riposino in pace“, c’è chi è andato ben oltre, offendendo Brunetta per la sua statura.

E’ una vita che vengo violentato per la mia altezza, o bassezza. Mi dicono ‘tappo o nano‘, ho sofferto su questo e continuo a soffrire, ma ho le spalle larghe perché ho fatto molte cose, il prof universitario il parlamentare anche europeo, sono stato ministro due volte”. Adesso “per la prima volta riesco a parlarne: queste cose vanno sdoganate, quindi ringrazio Marta (Fascina, ndr), – conclude con un pizzico di ironia – continua così, perché consentirai anche di sdoganare queste violenze. Perché parlarne vuol dire sdoganarle”.

Il riferimento è al post pubblicato su Instagram nei giorni scorsi da Marta Fascina. La deputata azzurra ha pubblicato una storia che riportava la scritta “Roma non premia i traditori”, accompagnata dalla canzone di Fabrizio De André, “un giudice”, che racconta la scalata di “un nano” fino ai vertici della magistratura.

“Marta – dice Brunetta – ma essere violentato su questo… non per me ma per tutti quei bambine e bambini che non hanno avuto la fortuna di essere alti e belli e che possono avere in me un esempio e dire, ma vedete Brunetta, però tappo come è… sdogano su di me questo termine che mi ha sempre fatto male“. “Io non ho scelto di essere alto o basso sono responsabile delle mie idee di quello che faccio ma non di essere tappo o nano” conclude.

Potresti leggere

Carfagna e De Luca, nuovo strappo a Salerno

“Sono sconcertata per l’assenza della Regione, della Provincia di Salerno e del…

Conte a ruota libera su Draghi: “Non voglio far cadere il Governo ma essere ascoltato. Nessuna pace fatta con il premier”

“Conte non vuole far cadere il Governo come sento dire, ma vuole…

Quirinale, crollano quotazioni di Belloni e Cassese

Strada ancora in salita per il Colle. In queste ore le trattative…