Fiato sospeso in Marocco mentre proseguono le operazioni di recupero del piccolo Rayan, il bambino di 5 anni che da oltre 72 ore è intrappolato in un pozzo artesiano a 32 metri di profondità.

Ormai mancano pochi metri per raggiungerlo e si scava a mano, con i picconi, in una lotta contro il tempo. La squadra che negli ultimi due giorni ha guidato senza sosta i mezzi-alcuni tecnici hanno lavorato anche per 24 ore di seguito- ha lasciato ora il posto a sei soccorritori, che hanno il compito più difficile. Entreranno nel tunnel fatto di enormi tubi di acciaio per recuperare il bambino.

I lavori si sono rivelati più difficili del previsto. Mercoledì 2 febbraio un giovane del posto, di costituzione mingherlina, si era offerto volontario per calarsi, ma il pozzo si restringe ulteriormente dopo 30 metri e dopo alcuni tentativi ha dovuto desistere. I soccorritori hanno quindi deciso di scavare intorno al pozzo e nel frattempo sono riusciti a fargli arrivare acqua, cibo e ossigeno. Oltre 70 ore di lavori di scavo, per sei bulldozer e un centinaio di uomini tra operai, forze dell’ordine, geologi, protezione civile, speleologi e volontari, hanno permesso di giungere a pochi metri da lui.

Questa mattina, ai microfoni di un’emittente locale, il responsabile del comitato di soccorso ha detto che Ryan ha chiesto dell’acqua, alle 3 del mattino, quando una piccola telecamera introdotta nel pozzo lo aveva sorpreso sveglio e cosciente, dopo quasi 60 ore. 

Secondo quanto riportato dai familiari del bambino, Rayan sarebbe sparito martedì pomeriggio intorno alle 17, mentre giocava nei campi vicino casa, nel borgo di Tamrout vicino a Chefchauen, nel nord del Marocco. Il padre improvvisamente non l’ha visto più: era stato inghiottito dal pozzo, ormai prosciugato, che era stato coperto con legna e plastica. Le pareti, strette 20 centimetri,  hanno impedito lo schianto, bloccando il bambino a 32 metri. Ora i genitori sono sotto shock.

La storia del piccolo Rayan ricorda quella di Alfredo Rampi, detto Alfredino, che il 13 giugno 1981 morì a Vermicino, nel Lazio, dopo aver trascorsi tre giorni in un pozzo artesiano di circa 60 metri di profondità.

Potresti leggere

Schianto tra due auto nel Trevigiano, muoiono due donne che viaggiavano assieme

Ancora sangue sulle nostre strade, tragico il bilancio dell’ultimo incidente avvenuto nella…

Governo, Conte vuole fuori i ministri ma loro non vogliono: la barzelletta a 5 Stelle

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha respinto le dimissioni del premier…

‘Ndrangheta, colpo al clan Flachi: 13 gli arresti

Con il fermo di 13 persone in corso da stamane da parte…