Goffredo Bettini

“Secondo me mettere in discussione il ruolo di capo politico di Vito Crimi rende più difficile il lavoro per Conte, che si è assunto una grande responsabilità, con grande generosità. Io non voglio entrare in una discussione interna a un altro partito ma sento che c’è necessità di autonomia del M5S rispetto a movimenti di condizionamento esterno non controllabile dal partito stesso e dal suo capo politico. Ieri si è verificato un ostacolo ma CONTE troverà una strada e proseguirà sulla sua strada di rifondazione che avrà, per altro, una tavola di principi e uno statuto che aspetto con curiosità perché è il decollo di una formazione politica che manterrà l’innovazione che è parte della sua storia ma inizierà anche una nuova collaborazione, mi auguro, con il Pd”. Così Goffredo Bettini, componente della direzione nazionale del Pd, intervenuto a Omnibus su La7.

 

Seguici sulla nostra Pagina Facebook Il Rinascimento.

Potresti leggere

Pd, De Luca: candidarmi a segretario? Mai limiti alla Provvidenza

Mai mettere limiti alla Provvidenza”. Così Vincenzo De Luca, governatore della Campania,…

Renzi apre a Salvini sul disegno di legge Zan? Biti: “Incomprensibile”. Zan: “Ho i brividi all’idea”

La posizione di Matteo Renzi sul disegno di legge Zan scatena una…

Forza Italia a pezzi, dopo Gelmini anche Brunetta lascia il partito: “Traditi i nostri valori”

Il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta lascia Forza Italia. Lo annuncia…