“Io ero andato dai carabinieri, ero andato… Avevo detto che questo dava fastidio a mia figlia, che stava esagerando ma doveva essere Anna a denunciarlo veramente… E lei: papà sì, lo faccio… ho visto come lo ha fatto, ho visto…”, sono queste le parole che continua a ripetere Ettore Borsa.

E’ il padre di Anna, la ragazza di 30 anni uccisa martedì mattina nel negozio di parrucchiere in cui lavorava a Pontecagnano, in provincia di Salerno. A fare fuoco il suo ex compagno, Alfredo Erra, 40 anni, fermato poco dopo essersi dato alla fuga.

La giovane, secondo alcune testimonianze, aveva paura. Il suo ex non accettava la fine della relazione e aveva iniziato a perseguitarla. Sembrerebbe che avesse provato anche a sporgere denuncia, ma una volta fuori dalla caserma dei carabinieri, accompagnata da alcune amiche, non sarebbe riuscita a entrare.

Potresti leggere

Prende pallone finito in tribuna e non lo riconsegna, 16enne tifoso del Napoli punito con il Daspo

Ha 16 anni, blocca un pallone finito fuori dal rettangolo verde e volato nel settore Distinti durante…

Ristoratore stroncato da malore, Napoli piange Michele Ragosta: “Al caminetto ci facevi sentire a casa”

Folla e commozione per l’ultimo saluto a Michele Ragosta, il titolare del ristorante…

Camorra, colpo al clan Moccia: 57 arresti e sequestri per un totale di 150 milioni di euro

Blitz questa mattina all’alba contro la camorra. I Carabinieri del Raggruppamento Operativo…