“La programmazione di un unico confronto televisivo tra due soli soggetti politici, nonché le attività di comunicazione ad esso correlate, risulta non conforme ai principi di parità di trattamento e di imparzialità dell’informazione, essendo suscettibile di determinare, in capo ai soggetti partecipanti al confronto, un indebito vantaggio elettorale rispetto agli altri”.

Lo stabilisce Agcom in una delibera a maggioranza dopo le segnalazioni sul confronto Letta-Meloni a Porta a Porta, con la quale richiama tutte le emittenti al rigoroso rispetto della parità di trattamento dei soggetti politici nei programmi di approfondimento.

“Mi dispiace. Non avremmo tolto nulla a nessuno e fatto del buon giornalismo. Noi siamo pronti a far confrontare tutti i leader ma è noto che ci sono delle forti resistenze. Pazienza”. Lo dice all’ANSA Bruno Vespa, commentando la delibera dell’Agcom.

Potresti leggere

Torre Annunziata, Manfredi: “Tenere alta asticella contro infiltrazioni”

“Gli scioglimenti dei Comuni devono farci tenere molto l’asticella sui temi della…

Figuraccia in Polonia per Matteo Salvini

Il leader della Lega Matteo Salvini è stato contestato al suo arrivo…

Lobby, arriva la stretta in Ue

Un periodo di raffreddamento (cooling-off) pari a 6 mesi per gli ex…