Si lancia dalla finestra per evitare l'arresto e perde la vita

Il funzionario della polizia provinciale Marcello Miraglia che la scorsa notte si è lanciato dalla finestra mentre i finanzieri gli stavano notificando un provvedimento di custodia cautelare in carcere, era finito in un’inchiesta di corruzione. Secondo l’ordinanza del gip è accusato di avere intascato soldi da imprenditori nel settore dei rifiuti, ma anche lavori di manutenzione sui propri veicoli e immobili, pranzi, cene e incarichi di consulenza a favore di familiari.

Si lancia dalla finestra per evitare l’arresto e perde la vita

Il funzionario è indagato con altre nove persone. Il gip per uno di questi ha disposto il divieto di dimora nel comune di Palermo per gli altri 8 l’obbligo di dimora e la presentazione alla polizia giudiziaria. I dieci coinvolti, nell’operazione dei militari della guardia di finanza del comando provinciale denominata Smart Working, sono indagati a vario titolo dei reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, ricettazione, rivelazione e utilizzazione di segreto d’ufficio.

Le indagini

Nello stesso provvedimento è stato disposto il sequestro preventivo di 15 mila euro pari alle presunte tangenti sinora individuate. Gli indagati sono Maria Letizia Pollaccia deve difendersi dall’accusa di ricettazione: avrebbe gestito i soldi del marito funzionario della Città Metropolitana. Alla donna, il gip Rosario Di Gioia ha imposto il divieto di dimora a Palermo. Otto imprenditori sono invece indagati per corruzione, a loro è stato notificato un provvedimento di obbligo di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria.

Gli indagati

Si tratta di Vincenzo Casesa, titolare di fatto dell’omonima ditta che si occupa di riciclaggio di rottami metallici, Paolo Venticinque, legale rappresentante della “Costruzioni Lavori Generali s.r.l.” di Termini Imerese, impegnata del recupero e riciclaggio di rifiuti solidi, Antonino Costanza, amministratore di fatto della Costanza srl di Termini, che si occupa della demolizione di carcasse, Francesco Claudino, rappresentante legale della “Sicilia recuperi srl“, che svolge lavori edili, Maria Rosaria Scalia, collaboratrice di Claudino, Rosario Di Fede, titolare di fatto della ditta della madre, “Autodemolizione Aquila“, che vende rottami metallici, Antonino Prainito, referente della “Sicilbitumi srl” e Salvatore Montalto, amministratore di fatto del “Centro demolizioni Palermo“.

Potresti leggere

Reddito di cittadinanza, in un anno 5 milioni a chi non ne aveva diritto: scoperti 955 furbetti in Italia

Dal primo gennaio del 2021 al mese di febbraio 2022 più di…

Il giallo di Denise Pipitone, pronto il testo per la commissione d’inchiesta alla Camera

Denise Pipitone è sparita da 17 anni, da quando il primo settembre…

Brindisi, tenta di uccidere la moglie e si suicida

Tenta di uccidere la moglie e si suicida. È accaduto nella città pugliese. L’uomo ha usato un coltello e poi si è impiccato