Violenza sessuale nei confronti di sei studentesse nell’Università Federico II di Napoli. I carabinieri di Napoli eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un tecnico di laboratorio dell’ateneo.

Il dipendente dell’Università Federico II di Napoli è finito agli arresti domiciliari perché accusato del del reato di violenza sessuale continuata, aggravata per essere stata commessa all’interno di un luogo di istruzione frequentato dalla vittima, ai danni di 6 studentesse.

Le indagini sono partite in seguito alla denuncia-querela sporta da una studentessa ai Carabinieri, che ha raccontato di essere stata costretta a subire atti sessuali da parte del tecnico di laboratorio nel mese di novembre 2021, consistiti in carezze e palpeggiamenti nelle parti intime, all’interno dei locali dell’Università.

Le ulteriori attività investigative, che si sono giovate della collaborazione istituzionale degli organismi universitari (che, tra l’altro, avevano tempestivamente e cautelativamente disposto, nelle more dell’accertamento della penale responsabilità, la sospensione del dipendente per 30 giorni e il successivo trasferimento ad altra sede, non a contatto con studenti), hanno consentito di acquisire gravi indizi circa le condotte perpetrate negli anni da parte del tecnico nei confronti di altre 5 giovani studentesse, secondo le stesse modalità.

Potresti leggere

Il governo trema sulle spese militari

No alla crisi di governo, ma il presidente del consiglio tenga conto…

Maltempo in Italia, prima grande nevicata sulle Dolomiti venete

La burrasca invernale che oggi ha colpito il Nord Italia ha portato…

Gabrielli, Salvini? Iniziativa spetta a leader governo

– “Salvini in Russia? Simili iniziative non spettano ai leader di partito,…