– Seggi aperti in Ungheria. Gli elettori si trovano a dover scegliere se garantire un quarto mandato al premier nazionalista Viktor Orban o dare una chance a Uniti per l’Ungheria, una coalizione di opposizione composta da sei partiti che hanno messo da parte le proprie differenze ideologiche per fare fronte comune contro il partito Fidesz e si sono compattati dietro la figura di Peter Marki-Zay, 49 anni, conservatore moderato. È atteso che sarà la corsa più combattuta da quando Orban ha preso il potere nel 2010. Gli ultimi sondaggi danno a Fidesz, partito di Orban, un leggero vantaggio, quindi è probabile che a essere determinanti saranno gli indecisi.  Le elezioni si svolgono all’ombra delle elezioni nella vicina Ucraina, tema che ha scompaginato la campagna elettorale in particolare per Orban, da sempre molto vicino a Vladimir Putin. Orban ha provato a presentarsi come figura che garantisce la pace rimanendo neutrale e mantenendo al tempo stesso gli stretti legami economici con Mosca, continuando a importare gas e petrolio russi. “Questa non è la nostra guerra, dobbiamo restarne fuori”, ha detto il premier nell’ultimo comizio, tenutosi venerdì. Mentre Marki-Zay ha accusato Orban di prendere le parti di Putin nel conflitto e ha detto che il suo approccio alla guerra lo ha “lasciato solo” in Ue.

Potresti leggere

Napoli, pronto l’albergo dei poveri

“Uno straordinario polo culturale con la combinazione di musei, di attività di…

Centrodestra, la resa dei conti prima delle elezioni. Salvini: “Premier chi avrà un voto in più”

“Meno tempo si passa a litigare e meglio è, sceglieranno gli italiani,…

Renzi affonda il colpo: “Conte voleva salvare la poltrona”

Incompetente e incapace di conoscere le regole del gioco”: il leader di…