covid

Ieri sono stati registrati 13.146 casi di Covid-19 in Cina, la cifra più alta dal picco della prima ondata più di due anni fa.

Lo hanno affermato le autorità sanitarie locali.

   Si tratta di “1.455 pazienti con sintomi” e “11.691 asintomatici”, mentre “non sono stati segnalati nuovi decessi”, ha affermato la Commissione sanitaria nazionale in un comunicato, con la variante altamente contagiosa di Omicron che si è diffusa in più di una dozzina di province cinesi.

Quasi tutti i 25 milioni di abitanti di Shanghai, la capitale economica della Cina, sono in lockdown da sabato. La città è diventata nei giorni scorsi l’epicentro di una nuova ondata di contaminazioni legata a Omicron. Diverse decine di milioni di cinesi sono in lockdown anche nel nordest del Paese, culla dell’industria automobilistica.

La Cina, dove il coronavirus è stato rilevato per la prima volta alla fine del 2019, è uno degli ultimi paesi al mondo a praticare una politica “zero Covid” volta a prevenire l’emergere di nuovi casi attraverso lockdown draconiani, test di massa, isolamento sistematico delle persone infette e parziale chiusura delle frontiere.

Potresti leggere

Guerra Ucraina, circolare all’esercito italiano: “Addestramento al combattimento”

Una circolare dello Stato maggiore dell’Esercito italiano dello scorso 9 marzo, che…

La riforma Cartabia è legge. Ok del Senato

Il Senato ha approvato la riforma dell’ordinamento giudiziario e del Csm, confermando…

“Regione di Kiev libera”, l’annuncio dopo la smobilitazione delle truppe russe. Poi l’orrore delle fosse comuni e l’incubo di un attacco dalla Transnistria

Il governo ucraino rivendica un importante successo nella guerra contro la Russia,…