Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di aver trasformato la regione orientale del Donbass in un “inferno”. Nel suo messaggio notturno, il presidente ucraino ha detto che nella regione “gli occupanti stanno cercando di aumentare la pressione.

E’ l’inferno e non è un’esagerazione”. Ci sono “attacchi costanti sulla regione di Odessa, sulle citta dell’Ucraina centrale. Il Donbass è completamente distrutto”, ha detto. “Tutto questo non ha e non può avere nessuna spiegazione militare per la Russia”, ha aggiunto: “Questo è un tentativo deliberato e criminale di uccidere quanti più ucraini possibile”.

Missili russi hanno colpito la notte scorsa il villaggio di Desna – nell’Ucraina settentrionale, vicino al confine con la Bielorussia – provocando “molti morti”, ha aggiunto Zelensky, secondo quanto riporta la Cnn.

“Il primo processo in Ucraina contro un criminale di guerra russo è già iniziato – ha affermato il presidente ucraino -. E si concluderà con il pieno ripristino della giustizia nell’ambito del tribunale internazionale. Ne sono sicuro. Troveremo e consegneremo alla giustizia tutti coloro che danno ed eseguono ordini criminali”.

Potresti leggere

Insediamento Csm, Mattarella: “La Costituzione garantisce l’indipendenza della magistratura”

“È stata una consiliatura complessa, segnata da gravi episodi che l’hanno colpita.…

Ucraina, ancora bombardamenti russi su Azovstal: “Nei rifugi rimangono 100 civili”

A Mariupol, i russi continuano a bombardare l’Azovstal con artiglieria pesante e…

Terremoto politico in Lombardia, Moratti si dimette: “Dissidi con il presidente Fontana”

“Di fronte al venir meno del rapporto di fiducia con il Presidente…