Nei cunicoli dell’Azovstal filtrano spiragli di speranza. Dopo settimane di assedio estenuante, parzialmente sospeso solo per l’evacuazione dei civili, possono uscire anche i combattenti feriti, e non solo, asserragliati nell’acciaieria-bunker di Mariupol.

L’accordo di tregua, pazientemente tessuto dal governo di Volodymyr Zelensky all’ombra delle polemiche interne sul presunto abbandono del reggimento Azov, è stato annunciato dal ministero della Difesa russo: un cessate il fuoco temporaneo per consentire l’uscita attraverso i corridoi umanitari. Così in serata Kiev ha annunciato l’evacuazione di 264 militari.

Si tratta di 53 soldati feriti, condotti a Novoazovsk, e di 211 altri combattenti portati a Olenivka, nel territorio controllato dai separatisti filorussi di Donetsk. E la Svezia in mattinata ha firmato la domanda di adesione alla Nato.

Potresti leggere

La strage dei bimbi in Ucraina

Secondo l’Unicef, “quasi 100 giorni di guerra in Ucraina hanno avuto conseguenze…

Ucraina, il raid russo sul centro nucleare e lo scontro Biden-Putin: “È un macellaio”

Il laboratorio nucleare a Kharkiv. L’attacco russo al centro e lo scambio di accuse tra il presidente Usa e il Cremlino

Ombre russe sui partiti italiani. Scoppia lo scandalo

“Mi sono confrontato con l’Autorità delegata alla sicurezza della Repubblica Franco Gabrielli”…