Un Parlamento tinto di giallo e blu, ma non certo ‘sold out’, ha accolto stamattina l’intervento video di Volodymyr Zelensky. Il presidente ucraino è stato salutato da due ‘standing ovation’ dei parlamentari, una all’inizio e una alla fine del suo discorso. E un’altra ovazione è stata tributata dall’aula a Mario Draghi, unico a prendere la parola dopo Zelensky, mentre i presidenti di Camera e Senato Roberto Fico e Elisabetta Casellati avevano introdotto la seduta. Ma, appunto, Montecitorio non ha fatto registrare il tutto esaurito per l’evento. I gruppi parlamentari erano tutti sostanzialmente presenti, ma i banchi più in alto nell’aula sono rimasti vuoti. E quasi completamente vuote erano le tribune. Un particolare non secondario se si considera il fatto che il Parlamento era convocato in seduta comune e molti scranni erano occupati dai senatori. Come Matteo Renzi, che pur provenendo da palazzo Madama ha occupato uno scranno al centro del gruppo di Iv da dove a lungo, prima e dopo la seduta, ha arringato un drappello di suoi parlamentari. Presenti tutti gli altri leader di partito: Enrico Letta, seduto tra le due capogruppo Debora Serracchiani e Simona Malpezzi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Pieni in ogni ordine, invece, i banchi del governo. Tutta l’aula, in religioso silenzio, ha ascoltato le parole del presidente ucraino, mai interrotto. Mentre poco dopo l’intervento di Draghi è stato puntellato da 10 applausi, prima dell’ovazione finale cui ha preso parte tutto l’emiciclio, opposizione compresa.

Oltre agli applausi e alle ovazioni, sono state soprattutto le prese di posizione simboliche dei parlamentari a testimoniare la solidarietà al popolo ucraino e a Zelensky. Le deputate e le senatrici del Pd, per esempio, si sono presentate tutte con un nastro rosso legato al braccio per richiamare l’attenzione sul dramma degli stupri di guerra. Il nastro, poi, in aula è un po’ sparito per evitare ‘misundertanding’ sul suo significato (il rosso è il colore associato alla Russia). Una piccola coccarda giallo/blu (i colori della bandiera ucraina) è stata indossata dai parlamentari di Italia viva. In più, la capogruppo Maria Elena Boschi ha aggiunto una mascherina in tinta, gialla. I colori della bandiera ucraina sono stati ripresi in aula da diverse parlamentari, come Julia Unterberger, che indossavano giacche gialle abbinate a sciarpe blu. Altre hanno optato per gli accessori, come le borse, gialle. Alcune, come Francesca La Marca del Pd, hanno invece scelto un abito ‘total yellow’. E poi, appoggiata sui banchi ma ben visibile, una bandiera dell’Ucraina è anche spuntata tra gli scranni di Forza Italia a metà intervento di Zelensky.

Potresti leggere

Quirinale, crollano quotazioni di Belloni e Cassese

Strada ancora in salita per il Colle. In queste ore le trattative…

La guerra in Ucraina colpa delle “lobby gay del mondo occidentale”, il delirio del patriarca russo

Il capo della Chiesa ortodossa russa ha dato la colpa ai valori…

Sciopero benzinai, il prezzo vola a 2 euro

La benzina servita arriva a superare i due euro al litro. Il…