Le forze russe a Mariupol “hanno aperto il fuoco nella direzione del corridoio umanitario. Queste azioni dell’esercito russo non sono altro che genocidio contro il popolo ucraino”.
Questa è la denuncia del ministero della Difesa dell’Ucraina sottolineando che per provvedere all’evacuazione dei civili “sono state sgombrate e sminate le strade. Tuttavia il nemico non ha lasciato andare via donne, anziani e bambini”.

A questo si aggiunge un’altra accusa. A Mariupol i russi hanno “deliberatamente tagliato i rifornimenti di acqua e cibo oltre all’elettricità. Un bambino è morto disidratato“, a riferirlo è il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video su Telegram. Secondo il leader di Kiev i russi stanno continuando a non rispettare la tregua mentre Mariupol “non può aspettare”.

Potresti leggere

Cade dal terrazzo di casa: muore l’ambasciatrice Francesca Tardioli

E’ caduta giù dal terrazzo della sua abitazione, a Foligno, dove era…

Mosca, è morto Maganov patron della Lukoil: “È caduto dalla finestra di una clinica”

Ravil Maganov, presidente della compagnia petrolifera russa Lukoil, è morto dopo essere…

Mostrò cartello contro la guerra in Ucraina, giornalista russa in fuga con figlia di 11 anni

La giornalista russa Maria Ovisannikova, diventata famosa per avere mostrato un cartello contro l’operazione…