L’avvocato Giulia Bongiorno commenta il lavoro che si sta facendo per il referendum sulla giustizia: “Non ci deve essere il minimo dubbio”.

La ministra della Giustizia Marta Cartabia “sta facendo cose importantissime, ma diverse. Sta riformando le norme dei codici e sta anche dando ragione alla Lega sulla prescrizione cambiando completamente l’impostazione di Bonafede. Ma i nostri referendum riguardano altro: il recupero dell’importanza della funzione giurisdizionale, nel suo momento di massima crisi”, queste le parole di Giulia Bongiorno già ministra per la PA e senatrice leghista in un’intervista al ‘Corriere della sera’.

Alla domanda se nel referendum ci sia una volontà punitiva nei confronti dei magistrati?, l’ex ministra ha risposto: “Nulla di più falso. Anzi, è l’esatto contrario: garantire l’indipendenza dei magistrati. Che è fondamentale perché la frase scritta in tutte le aule, ‘La legge è uguale per tutti’ non siano solo parole. Se il riferimento è invece alla responsabilità dei magistrati, replico che si tratta di un principio cardine delle democrazie liberali: chi è chiamato a svolgere funzioni di grande impatto sulla vita dei cittadini deve rispondere delle proprie decisioni in caso di accertato errore”.

Potresti leggere

Svolta al Copasir: si dimette il leghista Volpi

Il leghista Raffaele Volpi si è dimesso da presidente del Copasir, in…

Maresca frena su intesa con Fi e Lega

“Non ho ancora sentito Salvini, vedremo. Ripeto a noi interessa incontrare e…

Centrodestra, Forza Italia stoppa Meloni a Chigi

“Ho molta stima di Giorgia, donna in gamba che ha fatto un…