“Nel 2011 venne approvato un decreto legge, da me proposto, per istituire l’election day, per fare in modo che si tenessero nella medesima giornata elezioni amministrative e consultazioni referendarie. Ricordo che il costo di un’elezione a livello nazionale supera i 200 milioni di euro e io credo che in un momento del genere, cosi’ difficile per il Paese, sia doveroso risparmiare una cifra cosi’ importante e far coincidere i referendum con il primo turno delle elezioni amministrative, per avere un importante risparmio economico e favorire una piu’ ampia partecipazione democratica”. Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, Vice Presidente del Senato

Potresti leggere

Negoziati flop, Macron avverte: “Europa non entrerà in guerra con Putin”

L’Europa non entrerà in guerra direttamente con la Russia perché “una guerra…

Lega, liste chiuse: scende in campo Angelucci e tutti i big

Uno dei più rilevanti editori italiani come Antonio Angelucci correrà alle Politiche…

Berlusconi: “Presidente del Consiglio lo decide chi prende più voti”

Il prossimo presidente del Consiglio “sara’ una proposta che spetta a chi…