Travolto e ucciso mentre porta a spasso il cane all’altezza del lungomare di Napoli. Aveva 62 anni Giuseppe Iazzetta, l’uomo deceduto la scorsa notte all’ospedale Cardarelli dopo quasi due giorni di agonia. Troppo gravi le ferite riportate nell’impatto avvenuto alle 9 del mattino di domenica 18 settembre in via Sannazaro, strada che sbuca lungo via Caracciolo. L’uomo è stato sbalzato per circa una quindicina di metri.

Iazzetta, che lascia moglie e due figli, era in strada con il cane quando, mentre attraversava la strada all’altezza del semaforo che in alcune ore del giorno ha le luci gialle lampeggianti, è stato investito da una Toyota Yaris guidata da un uomo di 55 anni, residente a Fuorigrotta. Quest’ultimo si è fermato per prestare soccorso con Iazzetta trasportato prima al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo. Successivamente, in seguito alle gravi condizioni, è stato trasferito al Carderelli dove è deceduto nelle prime ore di martedì 20 settembre.

Sulla vicenda le indagini sono affidate alla sezione Infortunistica stradale della polizia municipale, guidata dal capitano Antonio Muriano. Al vaglio la ricostruzione della dinamica dell’incidente anche attraverso le immagini delle telecamere di videosorveglianza e alla testimonianze delle persone presenti in strada al momento del tragico impatto. Il 55enne dovrà ora rispondere di omicidio stradale e la sua posizione è al vaglio dell’autorità giudiziaria.

Potresti leggere

Circumvesuviana, protesta degli utenti: dal primo aumenti

Ancora una volta la politica del Tpl della Regione Campania è in…

Scappa dall’ospedale e dà fuoco ai rifiuti: in fiamme anche la tenda di un bar

Si è allontanato dall’ospedale del Mare, a Napoli, dove era ricoverato e…

Inps: al via campagna assegno unico, oltre 2,2 mln domande

Crescere un figlio è la sfida più bella, noi la sosteniamo”. È…