E’ stato ucciso con calci e pugni, e colpito da dischetti di metallo, perché si era rifiutato di lasciare il posto di lavoro a un amico dei suoi aggressori. E’ morto così Ranjeet Bains, 38enne di nazionalità indiana, operaio in una azienda metalmeccanica (la Quattro-B Srl) di Luzzara, in provincia di Reggio Emilia. Ad aggredirlo fino alla morte due suoi connazionali, fratelli di 41 e 40 anni residenti a Mantova, nel pomeriggio di lunedì 7 febbraio.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Guastalla, che hanno raccolto anche le testimonianze degli altri operai presenti al momento dell’aggressione, i litigi andavano avanti da tempo ma oggi l’ennesima discussione è finita nel sangue. Accertamenti in corso anche per capire se i due fratelli abbiano usato anche una pala di metallo. Il 38enne è deceduto all’interno dell’azienda, rendendo inutili i soccorsi dei sanitari del 118.

I due fratelli, arrestati per omicidio aggravato dai futili motivi, lavoravano nello stabilimento da un paio di mesi. La vittima, anche lui residente in provincia di Mantova, lascia la moglie e due figli piccoli.

Potresti leggere

Punito con la morte per aver tradito il clan, un arresto per l’omicidio Fittipaldi: il nome

Svolta nelle indagini sull’omicidio di Gennaro Fittipaldi, ucciso il 18 maggio 2015…

Scomparsa da martedì nel Cosentino, giovane di 22 anni ritrovata legata a un recinto

E’ stata ritrovata nella notte, viva, seppure provata, la giovane di 22…

Omicidio per il reddito di cittadinanza, indagata coppia per la scomparsa di Rosa Maria Luisa Bechere

La Procura della Repubblica di Tempio Pausania ha iscritto due persone nel…