Un sistema di frodi fiscali e riciclaggio è stato scoperto dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Crotone che hanno eseguito a Crotone e Isola Capo Rizzuto misure cautelari personali nei confronti di sei persone emesse dal Gip di Catanzaro su richiesta della Dda del capoluogo calabrese. Complessivamente gli indagati nell’operazione, denominata “Krimata”, sono 56. In particolare, una persona è stata portata in carcere, una ai domiciliari con divieto temporaneo di esercitare attività d’impresa e uffici direttivi per un anno, due hanno avuto l’obbligo di dimora nel comune di residenza con divieto temporaneo di esercitare attività d’impresa e uffici direttivi per un anno, e altre due il divieto temporaneo di esercitare la professione di consulente o commercialista per un anno. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata alla commissione di frode fiscale, riciclaggio, impiego di utilità di provenienza illecita, trasferimento fraudolento di valori, nonché ai reati di usura ed estorsione. Dalle indagini sarebbe emersa la presunta partecipazione del soggetto portato in carcere alla cosca di ‘ndrangheta di Isola di Capo Rizzuto e la sua attività di promozione e direzione del sodalizio finalizzato alla commissione dei reati di natura fiscale e contro il patrimonio e la presunta partecipazione a quest’ultimo sodalizio degli altri indagati, imprenditori e commercialisti crotonesi. L’ipotesi investigativa è che il meccanismo illecito sia stato realizzato grazie a imprese cosiddette cartiere del settore edile, anche intestate a prestanome, che emettendo fatture per operazioni inesistenti per oltre 5 milioni di euro, hanno consentito di generare a vantaggio delle società utilizzatrici un risparmio d’imposta pari a circa 2 milioni. Le indagini si sono sviluppate, oltre che con dichiarazioni di collaboratori di giustizia e attività tecnica, anche attraverso verifiche tributarie e la ricostruzione documentale delle movimentazioni di danaro, sia mediante i canali bancari che in contante. Sarebbe emerso anche un episodio di usura ai danni di un imprenditore crotonese oltre ad un connesso reato di estorsione.

Potresti leggere

Tragedia a Salerno, giovane operaio investito da una macchina: Matteo muore in ospedale

Ancora una morte bianca in Italia. E’ morto in nottata all’ospedale di…

Chiusa e violentata nel garage, 13enne racconta l’incubo ai genitori che denunciano

Una 13enne sarebbe stata segregata e violentata da tre ventenni in un…

Brace fatale, ustionato da fiammata di ritorno: muore 20enne nel Napoletano

Un giovane di 20 anni e’ morto dopo essere rimasto ustionato in…