migranti

Decine di migranti sono dispersi, e si teme siano morti annegati, nel naufragio di un gommone al largo delle coste libiche, secondo quanto riferisce Sos Mediterranee. Secondo quanto riferito dall’equipaggio della Ocean Viking, 130 persone erano a bordo di un gommone che aveva tentato la traversata in condizioni di mare proibitive e di cui si sono perse le tracce a nord-est di Tripoli.

Tredici cadaveri sono stati finora avvistati in mare ma non è stato possibile recuperarli. Oggi – afferma Luisa Albera, coordinatrice di Ricerca e Soccorso a bordo della Ocean Viking – dopo ore di ricerca, la nostra peggiore paura si è avverata. L’equipaggio della Ocean Viking ha dovuto assistere alle devastanti conseguenze del naufragio di un gommone a nord-est di Tripoli. Mercoledì mattina era scattato l’allarme rispetto a questa stessa imbarcazione con circa 130 persone a bordo”. “In assenza di un coordinamento efficace da parte dello Stato – aggiunge la Albera – tre navi mercantili e la Ocean Viking hanno cooperato per organizzare la ricerca in condizioni di mare estremamente difficili. Oggi, mentre cercavamo senza sosta, nella totale mancanza di supporto dalle autorità marittime competenti, tre cadaveri sono stati avvistati in acqua dalla nave mercantile My Rose. Un aereo di Frontex ha individuato poco dopo il relitto di un gommone. Dal momento in cui siamo arrivati sul posto oggi non abbiamo trovato nessun sopravvissuto, ma abbiamo visto almeno dieci corpi nelle vicinanze del relitto. Abbiamo il cuore spezzato”.

 

Seguici sulla nostra Pagina Facebook Il Rinascimento.

Potresti leggere

Ex carabiniere ucciso a fucilate davanti al figlio: si indaga sulla vita privata

Si indaga sulla vita privata di Silvano Nestola, l’ex maresciallo dei carabinieri ucciso…

Femminicidio nel parcheggio del supermercato: donna uccisa a coltellata dal marito

Dramma questa mattina a Somma Vesuviana (Napoli). Una donna di 63 anni,…

Manfredi scende in campo per Napoli: “Ricominciare dai nostri giovani che emigrano”

“Voglio ripartire dalle periferie, non solo quelle geografiche. Dobbiamo ricominciare dai nostri…