Tassazione al 5%titoli nobiliari e terreni venduti a prezzi convenienti nel fantomatico Stato Teocratico Antartico di San Giorgio, dove c’era anche la possibilità di preservarli da possibili azioni esecutive dello Stato italiano. Altra possibilità assai allettante era quella di continuare a esercitare la professione medica nonostante l’avvenuta radiazione o sospensione dall’albo e di poter essere esentati dagli obblighi vaccinali. Tutto bellissimo se non fosse che altro non era che un raggiro messo in piedi da un’associazione a delinquere smantellata nelle scorse ore dalla Digos di Catanzaro al termine delle indagini coordinate dalla procura che hanno portato all’esecuzione di un’ordinanza emessa dal Gip nei confronti di 12 persone sottoposte agli arresti domiciliari, più un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Trenta in totale le persone indagate e accusate a vario titolo di associazione a delinquere, truffa, fabbricazione e possesso di documenti falsi validi per l’espatrio e riciclaggio nell’ambito di una inchiesta denominata, appunto, “L’isola che non c’è”. Uno Stato fantomatico quello Teocratico Antartico di San Giorgio con tanto di Capo di Stato, un governo e relativi ministri (erano gli stessi indagati), una Corte di giustizia, un Tribunale supremo, una gazzetta ufficiale e la possibilità di rilasciare documenti di identità validi anche per l’espatrio. Ma le oltre 700 persone residenti in tutta Italia che hanno pagato dai 200 ai 1.000 euro per ottenerne la cittadinanza hanno scoperto sulla propria pelle che lo Stato esisteva solo per i componenti dell’organizzazione.

In almeno due casi è emersa inoltre la vendita di terreni in Antartide con annesso titolo nobiliare. E un’ulteriore somma di denaro sarebbe stata chiesta ai neocittadini “antartici” per l’acquisto dell’isola di Kouneli, in Grecia, utile a dare una concreta territorialità allo Stato.

Tutto è nato il 7 aprile 2021 dalla perquisizione di un immobile di Catanzaro, sedicente sede diplomatica dello “Stato Teocratico” e hanno progressivamente portato a delineare l’esistenza di un’associazione a delinquere operante su tutto il territorio nazionale, con ‘basi’ a Catanzaro, Alcamo e Teramo, finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di truffe basate appunto sull’esistenza dello Stato, dotato di un’autonoma sovranità e di connessi privilegi, asseritamente in forza del Trattato Antartico del 1959.

Potresti leggere

Caserta, figuraccia: salta evento con Tony Servillo

  È saltata ieri alla Reggia di Caserta la serata inaugurale del…

Giallo detenuto morto in cella, due giorni prima la notizia: “Esci dal carcere”

Un detenuto di 47 anni è morto nel carcere di Santa Maria…

Madre di 34 anni muore dopo caduta dalle scale con figlia neonata in braccio, la bimba è in ospedale

Tragedia a Bari nell’abitazione di una famiglia: una mamma di 33 anni…