Il discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Se infatti il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, decidesse di procedere oggi stesso allo scioglimento delle Camere, a quel punto diventerebbe impossibile votare il 2 ottobre, in quanto si andrebbe oltre i 70 giorni dallo scioglimento del Parlamento, previsti dall’articolo 61 della Costituzione, entro i quali debbono svolgersi le elezioni. Sarebbe invece possibile votare domenica 25 settembre, rispetto alla quale va sciolto il nodo legato alla vigilia del Capodanno ebraico. Se arrivasse il via libera, che viene considerato possibile, si sistemerebbero tutte le tessere del puzzle, perchè a quel punto verrebbero rispettati anche i 60 giorni prima della data delle elezioni, richiesti per la comunicazione dell’elenco provvisorio degli italiani all’estero aventi diritto al voto dal ministero dell’Interno a quello degli Esteri. Difficile ipotizzare un voto trascorsi soltanto 45 giorni dalla fissazione della data delle elezioni: significherebbe andare alle urne l’11 settembre. Quanto alla prima riunione del Parlamento, che in base al’articolo 61 della Costituzione ha luogo non oltre il ventesimo giorno dalle elezioni, possibile il 7 ottobre in caso di voto il 18 settembre, una settimana dopo, il 14, in caso di urne il 25 settembre.

Potresti leggere

Auto sbanda e finisce contro un albero, morti 4 giovani

Quattro giovani di era’ compresa tra i 18 e i 19 anni…

Decreto Ucraina, via libera dal Senato. M5s votano sì

L’Aula del Senato ha detto si’ alla fiducia posta dal Governo al decreto…

La minaccia di Putin: “Se la Russia sarà attaccata utilizzeremo mezzi che i nostri nemici neanche immaginano”

“Se la Russia sarà minacciata, risponderà con mezzi che i suoi avversari…