Dopo quasi quattro giorni di ricerche, è stato ritrovato solo lo zainetto che il piccolo Mattia Luconi, 8 anni, usava per andare a scuola. Del bimbo strappato dalle braccia della madre Silvia Mereu dalla furia del fiume Nevola, durante il violento nubifragio che ha sconvolto le marche il 15 settembre scorso, non c’è ancora nessuna traccia. Lo zainetto, riconosciuto dai familiari, è stato trovato nella giornata di domenica 18 settembre a circa 8 chilometri di distanza dal punto in cui il piccolo Mattia era stato travolto dall’acqua, insieme alla mamma, lungo la strada tra Ripalta di Arcevia e Castelleone di Suasa, nella provincia di Ancona.

I soccorritori stanno aumentando la presenza di escavatori per accelerare la rimozione degli enormi mucchi di vegetazione varia, tra cui anche interi alberi e tronchi, che sono stati trasportati nella zona tra il ponte adiacente alla Corinaldese e l’azienda agricola Patti Vanocci, in territorio di Castelleone di Suasa (Ancona), nei cui terreni era stata trovata l’auto Mercedes Classe A su cui viaggiavano Silvia e il figlio Mattia, travolti dalla furia del fiume nella serata del 15 settembre.

La donna, che lavora come farmacista nel piccolo comune di Barbara, era stata recuperata viva in quella zona e adesso è ricoverata all’ospedale di Senigallia. Di Matti dopo quasi 96 ore non c’è nessuna traccia. Una delle ipotesi è che la corrente impazzita del fiume possa aver trasportato per diversi chilometri anche il piccolo Mattia.

Le ricerche sono condotte dai vigili del fuoco che stanno utilizzando anche unità cinofile per setacciare l’area. Ai cani è stato fatto fiutare anche lo zainetto di Mattia ritrovato nelle scorse ore a ben otto chilometri di distanza rispetto a dove è stata travolta l’auto che guidava la mamma. Mattina la sera del 15 settembre non indossava lo zainetto che si trovava in auto.

“Il ritrovamento dello zaino di Mattia? Una stilettata, un fulmine a ciel sereno”. Sono le parole di Tiziano Luconi, padre del bimbo di otto anni. L’uomo continua a nutrire speranze di ritrovare vivo il figlioletto. “La speranza non la lascio mai, anche oggi anche se il tempo non è dei migliori, spero di ritrovarlo magari svenuto, nascosto perché si è impaurito ed è fuggito da qualche parte, io continuerò sempre, tornerò in quell’inferno ma lo trovo vivo”.

Oltre al piccolo Mattia, risulta dispersa da quasi quattro giorni anche Brunella Chiù, 56enne di Barbara trascinata dal fiume Nevola mentre lasciava la casa in auto con la figlia Noemi Bartolucci, la 17enne ritrovata morta, e l’altro figlio Simone che è riuscito a salvarsi aggrappandosi a una pianta.

 

Potresti leggere

Morte papà e due figli in autostrada, la mamma: “Ho scoperto tutto su internet”

“Ho digitato il nome di Andrea insieme alla parola “incidente” su un…

“Non faremo la fine dell’Urss”, Putin si paragona a Pietro il Grande. Nel Donbass britannici condannati a morte e l’Ue accelera per l’adesione di Kiev

Nei commenti rilasciati alle tv russe in occasione del 350mo anniversario dalla…

Governo, Salvini vede il voto anticipato

“Io prendo per buone la parole del presidente del Consiglio che ha…