La possibile adesione di Finlandia e Svezia alla Nato avrebbe gravi conseguenze militari e politiche e richiederebbe alla Russia di adottare misure di ritorsione. Lo ha affermato il direttore del secondo dipartimento europeo del ministero degli Esteri russo, Sergei Belyayev “E’ ovvio che la loro adesione all’Alleanza, che è in primo luogo un’organizzazione militare, comporterebbe conseguenze politiche e militari che richiederebbero la necessità di rivedere le relazioni con questi Paesi e adottare misure di ritorsione”, ha affermato Belyayev ad Interfax.

È troppo presto per parlare della natura specifica di tali misure, ha aggiunto. La Nato invia 30.000 militari, 200 aerei e 50 imbarcazioni in Norvegia per le esercitazioni Cold Response 2022 che inizieranno il 14 marzo.

Le esercitazioni erano in programma da tempo ma, riporta Bbc, alla luce dell’invasione in Ucraina assumono un valore maggiore anche perché si tengono non lontano dal confine della Russia.

Potresti leggere

Guerra in Ucraina, Zelensky: “Questo è genocidio”. Dall’Onu: “Almeno 64 i civili morti dall’inizio del conflitto”

Si conclude un’altra notte di guerra in Ucraina, una notte difficile fatta…

Elezioni, storico risultato in Irlanda del Nord: vincono i repubblicani dello Sinn Fein

Storico sorpasso formalizzato nel parlamento locale dell’Irlanda del Nord, a conclusione dello…

Ucraina, il Segretario dell’Onu Guterres a Mosca: incontro con Lavrov e Putin

E’ il giorno dell’incontro tra il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres e…