La guerra in Ucraina sta generando una perdita di valore aggiunto pari a 16,3 miliardi di euro. A soffrire maggiormente sono i settori cosiddetti energivori: trasporti, prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio, chimica, prodotti metallurgici, costruzioni. Le aziende coinvolte dalla riduzione di valore aggiunto sono 2,3 milioni. È quanto emerge da uno studio dell’istituto Demoskopika che ha stimato il possibile impatto della guerra sul tessuto produttivo per regione relativo al 2022 nell’ipotesi di una riduzione del 20% delle importazioni dirette e indirette di input energetici.

Potresti leggere

Ucraina, aperti corridoi umanitari a Enerhodar. L’invito a donne e bambini: “Fuggite”

Il sindaco della citta’ ucraina di Enerhodar, la cui centrale nucleare e’…

Sondaggi: vola il partito di Di Maio. Crolla il M5S

Il Movimento 5 Stelle scende al 6,9%, ‘Insieme per il futuro’ è…

Guerra in Ucraina, Zelensky: “Russia sta completando genocidio”

“La Russia sta completando un genocidio“. E’ l’attacco del presidente Volodomyr Zelensky…