La spiaggia, una birra e poi il bagno. E’ morto stroncato da un malore mentre era in mare e, durante i tentativi di soccorso, lo zaino che aveva lasciato sulla spiaggia, con i documenti all’interno, è sparito. L’episodio è avvenuto intorno alle 19 di sabato 30 luglio sul litorale di Nettuno, nella città metropolitana di Roma, con la polizia di Anzio che è riuscita a identificare la vittima solo nella giornata di domenica.

Si tratta di un uomo di 45 anni di nazionalità moldava. Si trovava nel tratto di spiaggia libera insieme agli amici. Dopo aver bevuto una birra, si è tuffato in mare e mentre faceva il bagno è stato colto da un malore. Le presone presenti sono intervenute in soccorso ma non c’è stato nulla da fare. Inutili i tentativi di rianimarlo, l’uomo è morto per un arresto cardio circolatorio dovuto da annegamento.

Durante le fasi di soccorso, qualcuno ha approfittato del momento concitato per portare via lo zaino della vittima con all’interno documenti ed effetti personali. Dopo l’identificazione, gli agenti stanno cercando di mettersi in contatto con i familiari, che non sono in Italia, per informarli della morte del parente.

Potresti leggere

L’Aquila, bimbo travolto e ucciso dall’auto schiantatasi nell’asilo: “Le mie figlie sotto shock, chiedo scusa”. Il papà della vittima: “Non è colpa sua, la perdono”

“Le mie figlie hanno visto le drammatiche scene e sono sotto shock:…

“Aiutatemi, non mangio da tre giorni”, sola e senza cibo in casa: arriva l’aiuto dei carabinieri

“Non mangio da tre giorni, non ho soldi e sono sola. Aiutatemi!”,…

Marmolada, il gestore del rifugio: “Sentivo un suono pauroso, erano le torrenti. Colpa del cambiamento climatico”

Parla di inutili cacce alle streghe il gestore del rifugio a 3.343…