Si e’ sposato nella terapia intensiva della cardiochirurgia dell‘ospedale Molinette di Torino, era questo l’utimo desiderio di un uomo di 47 anni in fin di vita dopo un infarto. Una storia che però si è conclusa con uno splendido lieto fine. Proprio durante la cerimonia, intubato e con un bouquet per lei composto di tappini di provette del sangue, pero’ e’ arrivata la disponibilita’ di un cuore per il trapianto, che è stato eseguito la notte stessa.

L’uomo era stato ricoverato a giugno in un ospedale della provincia di Cuneo per un infarto massivo del ventricolo sinistro. Sottoposto alle prime cure, era stato trasferito d’urgenza alle Molinette della Citta’ della Salute di Torino nel reparto di Terapia Intensiva post-cardiochirurgica, coordinato dalla dottoressa Anna Trompeo. Le condizioni cliniche pero’ sono peggiorate e si e’ reso necessario l’impianto di un sistema di assistenza circolatoria meccanica (Ecmo).

Il sistema ha funzionato, ma progressivamente si sono evidenziate problematiche legate alla terapia scoagulante, che hanno imposto la richiesta urgente di un cuore nuovo. Il paziente è stato così inserito in lista per un trapianto in urgenza nazionale attraverso il Centro regionale trapianti del Piemonte, diretto dal professor Antonio Amoroso. Il paziente, che da pochi mesi era diventato papa’, temendo il peggio, ha chiesto di potersi sposare con la propria compagna di 42 anni, proprio mentre si trova nel reparto di Cardiochirurgia diretto dal professor Mauro Rinaldi.

Il matrimonio, definito “in fine vita”, è stato celebrato dall’ufficiale di stato civile del Comune di Torino il pomeriggio con palloncini e cuori rossi illuminati dalla luce del diafanoscopio (schermo luminoso per osservare le radiografie). Niente fiori, ma in fondo al letto le fotografie della piccola figlia di due mesi. Accanto a lui la sposa con un bouquet speciale fatto con i tappi colorati delle provette dei prelievi di sangue.

Poche ore dopo è arrivata la sorpresa più bella, un dono di nozze: la segnalazione da parte del Centro nazionale trapianti di un donatore compatibile, a Napoli. Con un volo speciale il cuore e’ stato prelevato e arrivato a Torino dopo 12 ore dal matrimonio. La coppia non poteva augurarsi regalo più bello di matrimonio.

Potresti leggere

Travolto e ucciso sulle strisce pedonali a Pozzuoli: il nome della vittima

Questa mattina i carabinieri della sezione radiomobile di Pozzuoli sono intervenuti in…

Entra in casa di notte ma non ruba: i masturba davanti alle donne

E’ entrato in un appartamento di Forio e agli occhi dei vicini…

Papa Francesco: “Essere omosessuali non è un crimine”

Papa Francesco ha criticato le leggi che criminalizzano l’omosessualità come “ingiuste”, affermando…