Mentre si continuano a cercare senza sosta i 4 dispersi in seguito alla frana che all’alba si sabato si è abbattuta nella zona di Casamicciola a Ischia, ci si domanda se una simile tragedia poteva essere evitata.

La Procura di Napoli indaga sugli allarmi inascoltati lanciati dall’ingegnere Giuseppe Conte, ex sindaco di Casamicciola. L’ex primo cittadino ha riferito di avere lanciato 4 giorni prima della tragedia, cioè il 22 novembre, delle pec alle autorità competenti (al prefetto di Napoli, al commissario prefettizio di Casamicciola, al sindaco Manfredi e alla Protezione Civile della Campania) per avvertirle dei rischi che correvano i cittadini di Casamicciola a causa delle abbondanti precipitazioni previste. Secondo Conte il suo allarme sarebbe stato inascoltato con le conseguenze che purtroppo tutti noi consociamo.

Sono otto le vittime accertate in questa terribile tragedia, le ricerche dei dispersi sono proseguite anche nella notte.

Potresti leggere

Frana Ischia, la prima vittima è Eleonora: tra i dispersi 4 bimbi

A Ischia si continua a scavare, anche a mani nude, alla ricerca…

Motorino contro auto nel Napoletano, muore ragazzo di vent’anni

Ancora sangue sulle nostre strade. Un ragazzo di vent’anni e’ morto a…

Prezzi, stangata di inizio anni per gli italiani. Dalla benzina alle bollette di luce e gas

Nuovo anno e puntualmente nuova raffica di rincari con conseguente stangata per…