Calenda accoglie la Carfagna: "Benvenuta, persona seria e coraggiosa". Intanto Renzi: "Decida con chi allearsi"

Sfumata la candidatura dell’ex sindaco di Milano, Gabriele Albertini, con il Terzo Polo, l’ex esponente di Forza Italia e Scelta civica, rivela il retroscena. “Calenda”, dice in un’intervista al ‘Qn’, ha scelto di “conservare i seggi blindati per gli uomini di Azione. Non mi ha neppure risposto. La mia candidatura poteva rappresentare un valore in piu’ dal punto di vista elettorale”. Il leader di Italia viva Matteo Renzi, “invece ha insistito per la mia candidatura a Milano”, riporta Albertini. “Calenda e Renzi hanno due modi diversi di intendere la leadership. Preferisco Renzi, che oltretutto ha fatto un passo indietro pur di dar forza al Terzo polo”. In ogni caso “votero’ Terzo polo – rivela l’ex sindaco – certamente Renzi come capolista al Senato a Milano e penso che scegliero’ il Terzo polo anche alla Camera, ma con qualche interrogativo in piu'”. L’ultimo voto alle Politiche, Albertini l’ha dato “agli azzurri. Ma, con la caduta del governo Draghi, FI – attacca – e’ passata da una posizione di centro a una posizione di sudditanza nei confronti delle posizioni sovraniste e demagogiche di Lega e Fratelli d’Italia”. L’ex azzurro condivide pero’ l’ipotesi di Giorgia Meloni di avere “Tremonti all’Economia e Nordio alla Giustizia come ministri del prossimo governo”.

Potresti leggere

Governo, Conte vuole fuori i ministri ma loro non vogliono: la barzelletta a 5 Stelle

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha respinto le dimissioni del premier…

Draghi lancia la difesa comune europea

Nei prossimi anni l’Europa ha davanti investimenti molto significativi nel settore della…

Consigliere Fdi contro il Pd, post con ironia su Olocausto: arriva la sospensione

Il post contro la sinistra, l’ironia sull’Olocausto per attaccare i rivali politici,…