Il governo cubano ha reso noto ieri sera che sono salite a 27 le vittime causate dall’esplosione avvenuta venerdì nello storico Hotel Saratoga di L’Avana. Nel corso di una conferenza stampa nella capitale cubana, i responsabili delle operazioni di soccorso hanno precisato che i feriti sono stati 81, di cui 37 permangono ancora ricoverati in ospedale.

Il lavoro di rimozione delle macerie dell’edificio sta continuando senza sosta nella notte perché, si è appreso, mancano ancora all’appello numerose persone che potrebbero essere rimaste intrappolate nel crollo. Da parte sua il presidente Miguel Díaz-Canel, riferisce l’account Twitter della presidenza cubana, ha visitato alcuni feriti ricoverati negli ospedali cittadini sostenendo: “Coraggio, ne usciremo!”.

Congedandosi, il capo dello Stato ha ringraziato lo staff medico per lo sforzo profuso in queste ultime ore, elogiando il lavoro dei soccorritori, dei paramedici, dei membri della Croce rossa e di altre persone che da venerdì hanno lavorato instancabilmente.

Potresti leggere

Terrore a Fiumicino, incendio distrugge ristorante: a fuoco anche due imbarcazioni

Paura a Fiumicino, in provincia di Roma. Intorno alle 04:35 circa di…

Dramma durante stage, 18enne muore schiacciato da lastra di metallo

Aveva 18 anni ed era uno studente di un istituto tecnico di…

Contromano sulla Statale, incidente drammatico: muoiono due anziani

Hanno imboccato la Statale contromano andando incontro a un drammatico incidente mortale. E’ quanto accaduto…