Le parole di Draghi

Fino al 30 aprile resta l’obbligo di utilizzare mascherine FFP2 nei luoghi chiusi. E’ quanto prevede la bozza di Dl Covid all’esame del Consiglio dei Ministri. In particolare, si legge, “è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per l’accesso ai seguenti mezzi di traporto e per il loro utilizzo: aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone; navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale; treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo interregionale, Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità; autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti; autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente; mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale; mezzi di trasporto scolastico dedicato agli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado; per l’accesso a funivie, cabinovie e seggiovie, qualora utilizzate con la chiusura delle cupole paravento, con finalità turistico-commerciale e anche ove ubicate in comprensori sciistici; per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, nonché’ per gli eventi e le competizioni sportivi. Fino al 30 aprile 2022 in tutti i luoghi al chiuso diversi da quelli di cui al comma 1 e con esclusione delle abitazioni private, è fatto obbligo, sull’intero territorio nazionale, di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Fino al 30 aprile 2022, in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, al chiuso, è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie, ad eccezione del momento del ballo”.  Non hanno l’obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie: i bambini di età inferiore ai sei anni; le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché le persone che devono comunicare con un disabile in modo da non poter fare uso del dispositivo; i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva”. “I vettori aerei, marittimi e terrestri, nonché i loro delegati – si legge ancora nella bozza del provvedimento – sono tenuti a verificare che l’utilizzo dei servizi avvenga nel rispetto delle prescrizioni” . Allo stesso modo, “I titolari o i gestori dei servizi e delle attività sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni”. Fino al 30 aprile 2022 sull’intero territorio nazionale, per i lavoratori che nello svolgimento della loro attività sono oggettivamente impossibilitati a mantenere la distanza interpersonale di un metro, sono considerati dispositivi di protezione individuale (DPI), di cui all’articolo 74, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81, le mascherine chirurgiche reperibili in commercio. Le disposizioni di cui al presente comma si applicano anche ai lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari”.

Potresti leggere

Guerra in Ucraina, bombardamenti all’alba a Leopoli: missili colpiscono fabbrica riparazione aerei

La Russia ha lanciato sei missili verso la città occidentale di Leopoli…

Dalla terapia intensiva alla vita, fuochi d’artificio per 16enne dopo doppio trapianto

Dopo 54 giorni, al ritorno a casa a Napoli in occasione delle…

La Russia molla su Kiev: tregua a un passo

Diminuzione “drastica” delle attività militari russe nella capitale KIEV e nella città…