covid

Lieve calo dell’indice Rt in Italia, che scende a 0,86 mentre la scorsa settimana era a 0,89. E’ quanto apprende l’Adnkronos Salute dalla riunione della Cabina di regia Istituto superiore di sanità-ministero della Salute su Covid-19, ancora in corso. E “questa settimana continua il calo nell’incidenza settimanale”, che scende a “103 per 100.000 abitanti (3-9 maggio 2021) vs 127 per 100.000 abitanti (26 aprile-2 maggio)”, secondo i dati del flusso Iss.

“Due Regioni (Molise e Umbria) hanno un Rt puntuale maggiore di 1, ma con il limite inferiore sotto l’1. Tutte le Regioni/Province autonome hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 1”, si legge in una bozza del report settimanale Istituto superiore di sanità (Iss)-ministero della Salute sull’andamento di Covid-19 in Italia. “Nel periodo 21 aprile-4 maggio 2021 – spiegano gli esperti di Iss e ministero – l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,86 (range 0,74-0,94), in diminuzione rispetto alla settimana precedente, e sotto l’1 anche nel limite superiore”, precisano.

“La campagna vaccinale progredisce sempre più velocemente, ma l’incidenza resta elevata e ancora lontana da livelli (50 per 100.000) che permetterebbero il contenimento dei nuovi casi”, si sottolinea. L’incidenza nazionale, secondo il flusso di dati ministero della Salute-Protezione civile, si attesta invece a 96 casi/100mila.

“Nessuna Regione è classificata a rischio alto secondo il Dm del 30 aprile 2020 per la terza settimana consecutiva. Quattro Regioni/Province autonome hanno una classificazione di rischio moderato (di cui nessuna ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane), mentre le altre Regioni/Pa hanno una classificazione a rischio basso”, si legge ancora.

Solo 3 Regioni sopra soglia critica ricoveri e intensive
“Scende il numero di Regioni/Province autonome che hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e/o aree mediche sopra la soglia critica (3 Regioni/Pa vs 5 della settimana precedente)”: “Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è sotto la soglia critica (23%) – precisano gli esperti di Iss e ministero – con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 2.423 (4 maggio 2021) a 2.056 (11 maggio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (24%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 18.176 (4 maggio) a 14.937 (11 maggio)”. Le 3 Regioni che mostrano un sovraccarico in terapia intensiva e/o aree mediche sono la Calabria (sopra la soglia critica del 40% in area medica), la Lombardia e la Toscana (sopra la soglia critica del 30% in terapia intensiva).

“Si osserva una ulteriore diminuzione nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (19.619 vs 24.397 la settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in aumento (40,3% vs 38,6% la scorsa settimana). Stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (38%,0 vs 38,3%). Infine, il 21,7% è stato diagnosticato attraverso attività di screening”, si legge ancora nel report.

Potresti leggere

Covid e colori delle Regioni, l’annuncio del sottosegretario Costa: “In settimana arriva il cambio parametri”

Con l’aumento dei contagi e la presenza massiccia di casi con la…

Vaccini, l’annuncio di Figliuolo: “A settembre tutti vaccinati”

“Ne usciremo il più presto possibile. Saremo tutti vaccinati entro fine settembre…

Vaccini, l’Unione Europea non rinnova il contratto con Astrazeneca

Per il momento la Commissione Europea non ha rinnovato il suo contratto…