Nel centrodestra, come nelle migliori famiglie si litiga, ma poi si fa pace. D’altra parte, non siamo in dittatura e ognuno può esprimere liberamente il proprio convincimento. Importante è fare sintesi e a Napoli la sintesi l’abbiamo fatta sui contenuti, sui programmi con l’obiettivo di superare trenta anni di disastri della sinistra. Disastri che da Bagnoli, passando per Napoli Est e per il centro storico fino alle periferie, è sotto gli occhi di tutti. L’operazione di ascolto che sto facendo mi sta dando testimonianza concreta che i cittadini vogliono cambiare e affidarsi ad un progetto civico, il mio, che nasce dalla mobilitazione di persone che possono dare un un contributo di competenza e passione alla guida della città”. Lo scrive in una nota Catello Maresca, candidato sindaco del Centrodestra a Napoli.

Potresti leggere

Napoli, Laboccetta (Polo Sud) “Bassolino e Maresca hanno accolto la proposta di confronto”

  “Antonio Bassolino e Catello Maresca hanno accolto la mia proposta per…

Bettini suggerisce la strategia ai Cinque stelle

“Secondo me mettere in discussione il ruolo di capo politico di Vito…

Fondo giovani con tassa di successione, Carfagna boccia idea Letta: “Impossibile, diseguaglianza Nord Sud intollerabile”

“La tassa di successione sui grandi patrimoni? Letta ha il diritto di…