Nel centrodestra, come nelle migliori famiglie si litiga, ma poi si fa pace. D’altra parte, non siamo in dittatura e ognuno può esprimere liberamente il proprio convincimento. Importante è fare sintesi e a Napoli la sintesi l’abbiamo fatta sui contenuti, sui programmi con l’obiettivo di superare trenta anni di disastri della sinistra. Disastri che da Bagnoli, passando per Napoli Est e per il centro storico fino alle periferie, è sotto gli occhi di tutti. L’operazione di ascolto che sto facendo mi sta dando testimonianza concreta che i cittadini vogliono cambiare e affidarsi ad un progetto civico, il mio, che nasce dalla mobilitazione di persone che possono dare un un contributo di competenza e passione alla guida della città”. Lo scrive in una nota Catello Maresca, candidato sindaco del Centrodestra a Napoli.

Potresti leggere

Urgenza dilazione su progetti Pnrr, Calenda: “Se la Meloni sbraita in Europa le fanno pernacchia”

“Non ci sara’ prevenzione in Europa verso Giorgia Meloni, se dovesse divenire…

Berlusconi: “Presidente del Consiglio lo decide chi prende più voti”

Il prossimo presidente del Consiglio “sara’ una proposta che spetta a chi…

Meloni sferza il centrodestra: “Lealtà e chiarezza”

“Chiedo” agli alleati di Lega e Fi “chiarezza sugli intendimenti, sulle regole…