Nel centrodestra, come nelle migliori famiglie si litiga, ma poi si fa pace. D’altra parte, non siamo in dittatura e ognuno può esprimere liberamente il proprio convincimento. Importante è fare sintesi e a Napoli la sintesi l’abbiamo fatta sui contenuti, sui programmi con l’obiettivo di superare trenta anni di disastri della sinistra. Disastri che da Bagnoli, passando per Napoli Est e per il centro storico fino alle periferie, è sotto gli occhi di tutti. L’operazione di ascolto che sto facendo mi sta dando testimonianza concreta che i cittadini vogliono cambiare e affidarsi ad un progetto civico, il mio, che nasce dalla mobilitazione di persone che possono dare un un contributo di competenza e passione alla guida della città”. Lo scrive in una nota Catello Maresca, candidato sindaco del Centrodestra a Napoli.

Potresti leggere

Putin indossa la cravatta di Marinella: “Un regalo di Berlusconi”

Parli alla Russia e al mondo nel 75esimo giorno di guerra. Parli in occasione…

È morto David Sassoli, addio al gentiluomo del giornalismo e della politica: “Quando rivelò e spiegò la sua malattia”

È morto David Sassoli. Giornalista e politico di lungo corso, Sassoli è sempre stato un convinto europeista

Esteri, Stefania Craxi presidente della commissione Senato

Stefania CRAXI (Forza Italia) è stata eletta nuova presidente della commissione Esteri…