“La riforma della cittadinanza con lo Ius scholae va incontro alla realtà di un Paese che sta cambiando. Spero che le ragioni e la realtà prevalgano rispetto ai dibattiti ideologici per il bene non solo di chi aspetta questa legge ma anche dell’Italia che è uno dei Paesi più vecchi”.

Lo dice in un’intervista all’ANSA monsignor Gian Carlo Perego che nella Cei è il Presidente della Commissione episcopale per le migrazioni e Presidente della Fondazione Migrantes. Alle forze politiche che affermano non sia una priorità il rappresentante della Cei replica: “Ne parliamo da almeno quindici anni, contrapporre il caro-bollette non ha senso”.

Potresti leggere

Auto contro un muro sabato notte, giovane di 21 anni muore in provincia di Napoli

Sangue sulle nostre strade nella notte tra sabato e domenica. Una ragazza…

Napoli, Checco ucciso a 18 anni a Mergellina: “Testimonianze importanti ma tanta omertà”

“Ci sono state testimonianze determinanti, ma c’è stata anche molta omertà“. Sono…

Salvini sogna Palazzo Chigi

“Il mio ritorno al Viminale in caso di vittoria? Se gli italiani…