“Avevamo visto giusto. Il consiglio dei ministri ha sciolto per infiltrazioni mafiose il comune di CASTELLAMMARE di Stabia. E avevamo visto giusto anche a Torre Annunziata dove ci sono state le dimissioni del sindaco e dei consiglieri comunali all’indomani delle perquisizioni a tappeto e delle incriminazioni per concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione. Anche altri comuni dell’area metropolitana di Napoli sono commissariati. Per chi vive in queste comunità vuol dire democrazia sospesa. Quando interviene la magistratura o quando interviene il governo con lo scioglimento delle assemblee elettive si riducono gli spazi di democrazia. Tocca alla politica recidere i rapporti con la criminalità organizzata. La questione di fondo sulla quale ci dobbiamo interrogare tutti è la formazione e la qualità della classe dirigente. Noi sappiamo che dove c’è la camorra non c’è sviluppo, non ci sono diritti, non c’è libertà. Sappiamo che CASTELLAMMARE di Stabia come Torre Annunziata hanno bisogno di voltare pagina”. Lo afferma in una nota il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto.

Potresti leggere

Bonaccini scioglie la riserva e scende in campo

PD. BONACCINI: PROGETTI NON SLOGAN, CLASSE DIRIGENTE NON ALBUM FIGURINE Il problema…

Renzi a muso duro contro la Meloni: “Questo governo non supera il 2024. Serve un progetto”

“Il consenso della premier e’ ancora molto alto, la luna di miele…

Sondaggi: vola il partito di Di Maio. Crolla il M5S

Il Movimento 5 Stelle scende al 6,9%, ‘Insieme per il futuro’ è…