Va dal cardiologo armato di pistola e, dopo una accesa discussione, estrae l’arma, preme il grilletto e uccide il professionista nella sala d’attesa del poliambulatorio, davanti agli occhi attoniti degli altri pazienti in attesa della visita e del personale sanitario della struttura. Scene da far west. Un primo pomeriggio di ordinaria follia quello vissuto nel centro medico in via Bassanesi a Favara, comune in provincia di Agrigento.

A perdere la vita Gaetano Alaimo, 65 anni, molto noto nella cittadina per il lavoro che svolgeva. Fermato con l’accusa di omicidio Adriano Vetro, 47 anni. L’uomo è stato rintracciato dai carabinieri della locale Tenenza e da quelli del nucleo Investigativo del comando provinciale di Agrigento nella sua abitazione dove era tornato dopo il delitto.

Nella casa militari dell’Arma hanno trovato e sequestrato la pistola utilizzata per uccidere il cardiologo. Non è chiaro se l’arma fosse legalmente detenuta così come il motivo che ha scatenato la reazione omicida del 47enne.

Potresti leggere

Gas: Eni, Gazprom riduce di un terzo le forniture all’Italia

La Russia riduce di un terzo le forniture all’Italia rispetto alla media…

Duplice omicidio a Napoli, convalidato il fermo del 28enne: operaio ucciso per errore

Fermato un 28enne per il duplice omicidio di Ponticelli. Mercoledì sera gli…

Scoppia incendio in un appartamento a Catanzaro, morti tre fratelli di 12, 14 e 22 anni

Tre giovani sono morti e altre quattro persone sono rimaste ferite in…