Riprendono stamani sulla Marmolada le ricerche dei dispersi nella frana di domenica con lo stesso sistema utilizzato nella giornata di ieri. Verranno utilizzati in particolare quattro droni, due nella parte alta e due nella parte medio-bassa del seracco precipitato.

La base delle squadre e dei comandi dei droni sono al Rifugio Capanna Ghiacciaio, la struttura sfiorata dalla valanga. Oltre al Soccorso alpino Cnsas opera una squadra del Soccorso alpino della Guardia di Finanza (Sagf). Secondo quanto riferito, il monitoraggio prosegue negli stessi punti esaminati ieri dal volo dei droni in superficie; in caso di reperti si interverrà per i rilievi fotografici ed eventualmente poi per un veloce prelievo.

‘Poche speranze per i dispersi’. L’enorme massa di ghiaccio e roccia ha restituito finora sette vittime e otto feriti, due dei quali in maniera grave. Mancano all’appello della strage della Marmolada 13 persone, di cui tre straniere. Sollievo invece per cinque escursionisti, che si sono fatti vivi nella seconda giornata di ricerche. Un bilancio ancora parziale per quella che è già passata alla storia come la più grave tragedia della montagna italiana, e che fa ‘paura’ agli stessi soccorritori, costretti a interrompere ieri per alcune ore le ricerche a causa del maltempo, e indotti ad agire con estrema cautela su una superficie insidiosa e a rischio di ulteriori movimenti e di crolli.

Potresti leggere

Al via Cdm, su tavolo rendiconto, assestamento e dl bollette

  E’ iniziata a Palazzo Chigi la riunione del Consiglio dei ministri..…

Nuova notte di bombardamenti e sirene in Ucraina, russi si avvicinano a Kiev: recuperati corpi 2 bambini sotto le macerie

Si è conclusa un’altra notte di bombardamenti in Ucraina. Notte di sirene…

Auto contromano nella rotatoria si scontra con altra vettura: un morto

Ancora sangue sulle nostre strade. La scorsa notte un incidente tra due…