Il falco russo Dmitri Medvedev entra a gamba tesa in campagna elettorale invitando gli europei a “punire” alle urne i loro “governi idioti” e il suo appello diventa subito un caso in Italia, alla vigilia di elezioni segnate dal timore di ingerenze da parte di Mosca.

Immediate arrivano infatti le condanne dal centrosinistra, con il Pd che attacca “l’ambiguità” di una destra che rimane in silenzio per lunghe ore, prima che in serata Matteo Salvini dica la sua: “Non mi interessano gli insulti dei Dem.

Voteranno gli italiani e non i russi, i cinesi o gli eschimesi. All’estero possono dire quello che vogliono, non mi interessa fare polemica col resto del mondo”, minimizza il leader della Lega. Cui però replica Enrico Letta: “La Russia ha deposto la scheda nell’urna. La Lega ha un accordo firmato nel 2017 con Russia Unita, il partito di Putin. Questo accordo deve essere disdettato, se non lo fanno è gravissimo per la sovranità del nostro Paese”.

Potresti leggere

Grano, partita la prima nave dal porto di Odessa

E’ partita dal porto ucraino di Odessa la prima nave carica di…

“Donna violentate e uccise dai soldati russi”, la denuncia delle autorità di Kiev

La vicepremier ucraina Olha Stefanishyna ha riferito a Sky News di “storie…

Incontro a distanza, Macron rifiuta il tampone: il presidente francese non voleva lasciare il dna al governo russo

Putin e Macron. L’incontro in occasione per le attività diplomatiche per distendere il clima teso in Ucraina