Ucciso con almeno cinque coltellate all’addome con il corpo ritrovato dietro a un cespuglio nei pressi di un piccolo edificio dove in passato viveva il custode della scuola. E’ giallo sul brutale omicidio di Marcello Toscano, il professore di sostegno di 64 anni trovato cadavere nel cortile dell’edificio dove insegnava, la Marino Guarano di Melito (Napoli), poco dopo le 21.30 di martedì 27 settembre.

C’è un buco di sette ore con gli inquirenti che stanno provando a ricostruire le ultime ore di vita del 64enne, originario di Mugnano e in passato consigliere comunale in quota Pd. Toscano ieri mattina era a scuola per le lezioni. E’ stato in aula fino alle 13 poi da qui iniziano i mille interrogativi. 

L’uomo non è tornato a casa e dalle 15 è stato più volte chiamato sul cellulare dai familiari. Poi alle 19 il figlio Ciro si è recato dai carabinieri per denunciarne la scomparsa. Passano due ore e l’altra figlia, Ezia, segnala ai militari dell’Arma la presenza dell’auto del genitore nel parcheggio all’esterno della scuola. I militari hanno fatto aprire i cancelli al custode (che non vive nello stesso edificio dove si trova la scuola) e dopo aver ispezionato tutti i locali hanno ritrovato il corpo del 64enne dietro un’aiuola, a poca distanza dall’edificio dove in passato abitava il custode.

Proprio nei pressi di questo edificio sarebbero state trovate tracce di sangue che potrebbero essere riconducibili alla vittima anche se sarà l’esame del Dna a cristallizzarlo. In caso contrario potrebbero appartenere invece a chi ha ucciso o partecipato all’omicidio del docente. Tracce ematiche che sono state trovate a pochi metri dal cadavere: non è presente una scia di sangue, quindi presumibilmente il corpo non è stato trascinato. Nessuna traccia anche del coltello utilizzato da chi ha ucciso il professore.

In attesa degli accertamenti della Scientifica, i carabinieri hanno ascoltato numerose persone che hanno incontrato Toscano nella mattinata di ieri. Dalla preside ai colleghi docenti passando per i collaboratori scolastici agli stessi alunni. Ascoltati anche i familiari, a partire dalla moglie. Si scava nella vita personale del 64enne anche se per il momento non è emerso nulla di rilevante su possibili controversie sia in ambito lavorativo (rapporti turbolenti con alunni) che privato.

Potresti leggere

Moto travolge donna fuori al ristorante che riapre: “Lei sta lottando, stateci vicini”

E’ ancora ricoverata in gravi condizioni al Trauma Center del Cardarelli Veronica…

Spari a Pozzuoli, Antonio Izzo raggiunto da più colpi d’arma da fuoco alle gambe

Nel pomeriggio di giovedì i carabinieri della compagnia di Pozzuoli, comune in…

Draghi lancia il nuovo ‘Patto sociale’ e avverte: “Con gli ultimatum non si va da nessuna parte”

“Come ho già detto il governo con gli ultimatum non lavora e…