Vincenzo De Luca

– E’ polemica a Positano, una delle perle della Costiera Amalfitana, per i disagi lamentati dai tanti turisti che hanno preso d’assalto il comune campano nel weekend di Pasqua. Alcuni gruppi hanno denunciato, infatti, di essere stati fatti scendere da taxi e pulmini e di dover raggiungere a piedi, con tanto di bagagli al seguito, i rispettivi hotel a causa del mancato pagamento di una tassa di 5 euro che i professionisti del trasporto pubblico devono al comune di Positano per transitare sulla Statale 163. Pagamento che si effettua tramite un portale che – e’ la difesa opposta dai tassisti – spesso non funzionerebbe. Almeno due i casi venuti a galla – ma non sarebbero gli unici -. Prima un taxi proveniente da Roma, poi un mezzo con autista Ncc (noleggio con conducente) con altri turisti stranieri. Tutti fermati dalla Polizia Municipale di Positano lungo la Statale 163 perche’ chi li accompagnava non aveva assolto il pagamento online della somma di 5€. Increduli, ai turisti appiedati non e’ rimasto altro da fare che raggiungere con le proprie gambe i rispettivi hotel. Inutile accampare il malfunzionamento del portale. Gennaro Lametta, coordinatore regionale della Campania e del Molise per Federnoleggio e Confcommercio ha chiesto ufficialmente un incontro con il sindaco della citta’, Giuseppe Guida, per approfondire la vicenda. Lametta ha gia’ ottenuto un appuntamento per questo mercoledi’ con l’assessore regionale al Turismo Felice Casucci e con il presidente della commissione Attivita’ Produttive della Campania Giovanni Mensorio. “Una cittadina turistica come Positano, nota in tutto il mondo – osserva – non puo’ consentire che dei passeggeri siano lasciati lungo la Statale 163. Oltretutto questa tassa di 5 euro viene applicata solo ai professionisti del trasporto, mentre le red car senza autista transitano regolarmente senza essere ne’ fermate ne’ tassate. Si vuole colpire una categoria di lavoratori? Non capisco a chi giovi questa soluzione, se non a collezionare figura

Potresti leggere

Agguato a Foggia, ucciso il figlio del boss: è il decimo omicidio del 2022

Ucciso a 20 anni mentre era in auto, raggiunto da almeno due…

Anpi, il dietrofront di Pagliarulo. Ora la vittima è l’Ucraina: “Russia aggressore, giusta resistenza armata”

“Tutto è nato dall’invasione russa, moralmente e giuridicamente da condannare e condannata,…

Coppia litiga e dimentica neonata in auto, l’allarme di una commessa e l’intervento dei carabinieri

Loro litigavano e la figlia di appena due mesi era chiusa in…