Era un no vax convinto. E quando ha contratto il Covid ha rifiutato le cure, nonostante le sue condizioni di salute si fossero aggravate. A nulla sono valsi i tentativi dei familiari di convincerlo. Alessandro Mores è morto lo scorso martedì: aveva 48 anni ed era padre di tre figli.

Mores, residente a Thiene ma originario di San Giorgio al Tagliamento, in provincia di Vicenza, aveva contratto il Covid una quindicina di giorni prima. Quando è arrivato al Pronto Soccorso dell’ospedale San Bortolo di Vicenza, nel pomeriggio di martedì 28 dicembre, i sanitari si sono subito resi conto della situazione già grave. Da qui la decisione di trasferirlo in rianimazione: la dottoressa che l’aveva preso in carico gli ha quindi spiegato che sarebbe stato necessario intubarlo per salvargli la vita.

Ma lui è stato irremovibile: al momento di firmare il consenso informato, si è rifiutato. Nel tentativo di fargli cambiare idea, i sanitari hanno contattato la famiglia. Neanche le suppliche in lacrime del figlio maggiore di 21 anni, in videochiamata, l’hanno convinto a desistere dalla sua decisione.

Solo quando la dottoressa l’ha informato che il suo cuore avrebbe presto smesso di battere, come poi è accaduto, ha prestato il consenso alla rianimazione. Ma era ormai troppo tardi: il 48enne è morto a due ore dal ricovero.

Alessandro Mores, che lavorava come rappresentante di generi alimentari, era contrario alla vaccinazione e al Green pass. Posizioni che emergono anche dal suo profilo Facebook e confermate dai familiari. “Tanto guarisco lo stesso” avrebbe detto al momento del ricovero. Ma la situazione è rapidamente peggiorata, fino al tragico epilogo.

Potresti leggere

Tragedia del Mottarone, cinque famiglie distrutte: chi sono le vittime della strage causata dal crollo della funivia

La tragedia della funivia del Mottarone ha colpito cinque famiglie, tre residenti…

Camper esplode in strada nel Milanese, dopo la moglie è morto anche il marito

È morto al Policlinico di Milano l’uomo di 81 anni che era…

La Russia minaccia: “Useremo armi nucleari se nostra esistenza è minacciata”

Parole durissime arrivano dal Cremlino. In una intervista alla Cnn, il portavoce…