Qualificatosi come maresciallo dei carabinieri con “agganci importanti” al Vaticano, è riuscito a farsi consegnare in due anni quasi 20mila euro in varie tranche da una donna cui aveva promesso di far assumere il figlio presso lo Stato Pontificio.

Denunciato finto carabiniere

È l’accusa contestata ad un 34enne di Ciampino, arrestato ad Aversa dai carabinieri mentre intascava dalla vittima, quale ulteriore rateo estorsivo, la somma di 300 euro. I carabinieri si sono attivati su denuncia della donna, una 51enne residente a Frignano, nel in provincia di Caserta, che si è presentata con il suo avvocato presso la caserma dell’Arma a Pignataro Maggiore.

La truffa

La vittima ha raccontato della truffa subita, in particolare dei continui pagamenti che il 34enne chiedeva per “oliare la macchina” e per perfezionare l’assunzione, e che quando ha deciso di non pagare più perché ha capito che le promesse erano false, il 34enne ha minacciato di morte lei e il figlio.

L’arresto

Circostanza, quest’ultima, che l’ha convinta a presentare denuncia. I pagamenti – hanno accertato i carabinieri di Pignataro Maggiore coordinati dalla Compagnia di Capua – andavano avanti dal maggio 2020. Il 34enne è stato condotto al carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Potresti leggere

Militare travolta e uccisa sulla bici, il dramma di Cassandra investita da una ragazza ubriaca

Travolta e uccisa mentre pedalava, mentre era in sella alla sua amata bicicletta, la…

Aggredì e ridusse in fin di vita una studentessa senza motivo, il minore è libero e a Londra

Il quindicenne che il 22 marzo del 2021 in un viottolo di…

Si prega per Simone, il 28enne colpito da un fulmine: è in fin di vita

Nubi a coprire il Gran Sasso, poi i tuoni e lampi che…