L’attacco all’impianto nucleare di Zaporizhzhia sarebbe stato opera di “gruppi di sabotaggio ucraini“. Lo ha detto l’ambasciatore russo all’Onu, Vazily Nebenzya, intervenendo alla riunione d’emergenza alle Nazioni Unite chiesta da sei Paesi. Il diplomatico di Mosca ha denunciato “un’altra serie di bugie”, e puntato il dito sul ruolo del “terrorismo interno” e del “nazionalismo ucraino” che starebbe usando i civili come scudi umani per far ricadere la colpa sui soldati russi.  I militari russi non interferiranno nel lavoro degli operatori della centrale nucleare di Zaporizhzhia ha assicurato Nebenzya.

Il mondo ha evitato per un soffio una catastrofe nucleare durante la notte quando è scoppiato un incendio durante il sequestro russo della centrale nucleare di Zaporizhzhia in Ucraina. Lo ha affermato l’ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield. Le azioni della Russia sono state “sconsiderate” e “pericolose”, ha aggiunto, secondo quanto riporta il Guardian.

Potresti leggere

Letta sfida Salvini: “Mi candido a Vicenza, nel cuore della Lega”

Vuole correre in trasferta, in casa del Carroccio, nel fortino di Luca…

Stop a Conte presidente del M5S, Grillo: “Le sentenze si rispettano, ora meglio il silenzio”

Grillo e Conte. La reazione del garante del Movimento 5 Stelle dopo la sentenza del Tribunale di Napoli che ha sospeso l’ex premier

Da foreign fighter al ritorno a casa, Ivan Vavassori lascia l’Ucraina: “Voglio riprendermi la vita”

“Sono stanco. Per me basta così. È ora di tornare a casa,…