Nonostante la sconfitta per 5-1, a fine gara l’Athletic Brighéla, squadra bergamasca iscritta al campionato di terza categoria lombardo, aveva ribadito la propria posizione sulla strage di Cutro, dove hanno perso la vita oltre 70 migranti (decine ancora i dispersi). Poche parole a commento di una foto che aveva visto gli undici titolari della compagine dilettantistica scendere in campo esponendo lo striscione con la scritta: “Basta morti in mare, basta indifferenza“.

Il pomeriggio – si legge nel post pubblicato sui social – è comunque cominciato rimarcando la posizione dell’Athletic Brighela e della squadra River Negrone sulle questioni umane che da troppo stanno caratterizzando il nostro Paese in modo negativo. Dopo quella che i nostri politici seguitano a chiamare ‘tragedia’ ed è invece risultato di scelte ben precise, ribadiamo che noi non ci stiamo. Basta morti in mare. Basta indifferenza.

Un’azione che è stata punita dal giudice sportivo della delegazione di Bergamo che, pochi giorni dopo la partita andata in scena domenica 5 marzo contro il River Negroni, ha comminato all’Athletic Brigéla una sanzione di 550 euro per il messaggio solidale esposto su un lenzuolo bianco dai propri giocatori prima del fischio di inizio perché l’iniziativa non era stata autorizzata dall’arbitro.

Secondo quanto riporta il quotidiano L’Eco di Bergamo, oltre alla multa per lo striscione, è arrivata anche la squalifica per oltre un mese al capitano Pietro Rota e una inibizione al dirigente accompagnatore e all’allenatore Luigi Cattaneo. Il provvedimento anti-buonsenso del giudice sportivo sta scatenando polemiche e indignazione, anche per il ruolo che spesso ricoprono le società sportive dilettantistiche, dove oltre all’agonismo e alla competizione hanno spesso anche funzioni sociali sui territori dove operano.

Stando a quanto si legge nel comunicato del giudice sportivo, “dagli atti ufficiali di gara supportati dal supplemento di rapporto, è emerso che, prima dell’incontro, il capitano della società Asd Athletic Brighela, sig. Pietro Rota, chiedeva al direttore di gara di essere autorizzato a introdurre ed esporre sul terreno di gioco uno striscione, a detta dello stesso non a contenuto politico – ha scritto – Di contro, l’ufficiale di gara non autorizzava la richiesta”. Così anche uno striscione solidale, con lo scopo di sensibilizzare su una tragedia umanitaria, diventa, per forza di cose, uno striscione con fini politici.

Nonostante il diniego del direttore di gara, lo striscione è stato esposto lo stesso, così come sottolinea l’arbitro nel suo referto: “Dopo aver regolarmente fatto ingresso sul terreno di gioco, al capitano dell’Asd Athletic Brighela veniva consegnato il predetto striscione dai tesserati posizionatisi sulla propria panchina, non individuati a referto dall’arbitro”.

Potresti leggere

Negoziati flop, Macron avverte: “Europa non entrerà in guerra con Putin”

L’Europa non entrerà in guerra direttamente con la Russia perché “una guerra…

Elezioni, Calenda categorico con Letta: “Noi con i 5 Stelle mai”

Carlo Calenda ha ribadito, seppur in modo indiretto, a Enrico Letta l’intenzione…

Di Battista esclude candidatura, complimenti per Conte ma gela Grillo: “Di lui non mi fido”

Alessandro Di Battista torna a parlare attraverso un video su Twitter, spiegando…