Il bilancio delle vittime dello scontro frontale tra due treni in Grecia è salito ad almeno 40, molti altri passeggeri risultano ancora dispersi, secondo l’emittente statale greca Ert. Secondo la stessa fonte molti dei feriti (circa 130) sono in condizioni critiche e tra le 50 e le 60 persone sono disperse. Intanto è stato arrestato il capostazione di Larissa.

Accusato di omicidio colposo, la polizia greca ha spiegato che l’uomo, 59 anni, è stato anche accusato di aver provocato lesioni personali gravi per negligenza.

Il capostazione ha negato ogni illecito e ha attribuito l’incidente a un possibile guasto tecnico. I due treni viaggiavano sullo stesso binario al momento dello schianto e gli investigatori stanno cercando di capire il perché.

Questa la dichiarazione alle autorità: “Ho premuto il pulsante come al solito, il sistema per cambiare la linea è automatizzato. Così ogni treno sarebbe stato su un binario diverso, ma il sistema non ha funzionato“.

Potresti leggere

Kiev conferma, colloqui al momento sospesi

Attualmente il processo negoziale e’ sospeso: dopo l’incontro di Istanbul non ci…

Vertice Nato il 24 marzo, ci sarà anche Joe Biden

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha comunicato che il prossimo…

Camorra, agli arresti imprenditore napoletano vicino ai Polverino

Ai domiciliari il “volto imprenditoriale” del clan camorristico Polverino. Militari del Comando provinciale…