Roma, 7 mag. (askanews) – I Carabinieri del Nucleo Scalo Termini, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma, hanno arrestato un cittadino romeno di 27 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, poiché gravemente indiziato del reato di tentata rapina. I fatti si sono svolti nella fermata «Repubblica» della linea A della metropolitana, dove i Carabinieri, nel corso di uno dei quotidiani servizi di controllo, sono stati avvicinati da una studentessa romana di 23 anni che ha denunciato di avere appena subito un tentativo di rapina. Secondo quanto raccontato dalla giovane, uno sconosciuto, appena scesa dal vagone della metro, l’avrebbe affrontata e costretta al muro della banchina, ordinandole, dietro ripetute minacce, di consegnargli il denaro in suo possesso. La 23enne è riuscita a divincolarsi e a fuggire, subito dopo c’è stato l’incontro con i Carabinieri che, raccolta la descrizione del sospettato, lo hanno individuato poco lontano. Nel tentativo di camuffarsi tra i viaggiatori, il 27enne aveva anche indossato una parrucca, trucco che non gli è servito ad evitare di essere individuato. I Carabinieri del Nucleo Scalo Termini, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma, hanno arrestato un cittadino romeno di 27 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, poiché gravemente indiziato del reato di tentata rapina. I fatti si sono svolti nella fermata “Repubblica” della linea A della metropolitana, dove i Carabinieri, nel corso di uno dei quotidiani servizi di controllo, sono stati avvicinati da una studentessa romana di 23 anni che ha denunciato di avere appena subito un tentativo di rapina. Secondo quanto raccontato dalla giovane, uno sconosciuto, appena scesa dal vagone della metro, l’avrebbe affrontata e costretta al muro della banchina, ordinandole, dietro ripetute minacce, di consegnargli il denaro in suo possesso. La 23enne è riuscita a divincolarsi e a fuggire, subito dopo c’è stato l’incontro con i Carabinieri che, raccolta la descrizione del sospettato, lo hanno individuato poco lontano. Nel tentativo di camuffarsi tra i viaggiatori, il 27enne aveva anche indossato una parrucca, trucco che non gli è servito ad evitare di essere individuato. Dagli accertamenti svolti subito dopo l’arresto, i Carabinieri hanno scoperto che l’indagato è gravemente indiziato di essere l’autore anche di un’altra tentata rapina andata in scena il giorno precedente, nella fermata della metropolitana “Policlinico” della linea B, dove, con le stesse modalità e armato con un coccio di bottiglia, avrebbe affrontato una ragazza di 23 anni. La parrucca trovata in possesso del ragazzo è stata sequestrata e il suo arresto è stato convalidato.

Ha cercato e comprato online pastori per il proprio presepe e, su un sito, ha trovato quello che cercava: una scena campestre semplice con un agricoltore che pota una pigna d’uva dalla vite, col figlio vestito di cenci che regge una sporta di vimini. Al momento della consegna, però, ha trovato tutt’altro: 10 kg di marjuana. A San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, un uomo ha chiamato i carabinieri per segnalare la ‘strana’ consegna. Il cliente non crede ai suoi occhi, è una brava persona e il panico lo assale. Nel pacco c’è cannabis raffinata in marijuana. Pronta per essere dosata e venduta al dettaglio. Finisce sotto sequestro ma le indagini per risalire alla filiera di vendita continueranno. Intanto rimane la curiosità di conoscere la reazione di chi attendeva 10 chili di “erba” e si è ritrovato padre e figlio in terracotta.

Potresti leggere

Napoli, fermato il presunto killer di Ponticelli

Si chiama Antonio Pipolo, ha 38 anni, ed e’ ritenuto un affiliato…

Donna segregata da fratello e cognata per 22 anni, le prime parole: “Bagno una volta al mese”

“Siete venuti qui per liberarmi?“, poi il pianto liberatorio che ha posto fine al…

Allarme bomba in scuola elementare in provincia di Napoli

Questa mattina a Terzigno, in provincia di Napoli, i carabinieri della locale…