Papa Francesco ha criticato le leggi che criminalizzano l’omosessualità come “ingiuste”, affermando che Dio ama tutti i suoi figli così come sono e ha invitato i vescovi cattolici ad accogliere le persone Lgbtq nella Chiesa.

“Essere omosessuali non è un crimine”, ha detto Francesco in un’intervista con l’Associated Press. Francesco ha definito “peccato” quello dei vescovi che sostengono leggi che criminalizzano l’omosessualità o discriminano la comunità gay.

“Questi vescovi devono fare un processo di conversione”, ha detto, aggiungendo che dovrebbero usare “la tenerezza, per favore, come Dio ha per ciascuno di noi”.

L’atteggiamento di critica al pontificato “non lo riferirei a Benedetto, ma a causa dell’usura di un governo di dieci anni”, ha detto il Papa. All’inizio, la sua elezione è stata accolta con un senso di “sorpresa” per un Papa sudamericano, poi è arrivato il disagio “quando hanno iniziato a vedere i miei difetti e non gli sono piaciuti”, ha detto. “L’unica cosa che chiedo è che me le dicano in faccia, perché è così che cresciamo tutti, giusto?”. Francesco ha elogiato Benedetto come un “gentiluomo” e ha detto della sua morte: “Ho perso un papà”, “per me era una sicurezza”, “ho perso un buon compagno”.

Potresti leggere

Domenico Biscardi positivo al Covid dopo la morte, il diretto del 118: “Nessun complotto”

Domenico Biscardi positivo al tampone per il covid-19 effettuato post mortem ma “non…

Strage in famiglia a Licata, uccide quattro parenti e si toglie la vita: tra le vittime due minorenni

Strage a Licata. Un uomo ha ucciso fratello, cognata e due nipoti di 11 e 15 anni prima di scappare e togliersi la vita

Vergogna in tv, la conduttrice veneta al bimbo calabrese: “Tanto verrete anche voi a cercare lavoro qui”

“Non ti preoccupare che venite anche voi in Pianura a cercare qualche…