“Non mostreremo misericordia ai nemici”: lo ha dichiarato nel corso di una cerimonia il presidente iraniano Ebrahim Raisi, riferendosi alle proteste antigovernative nel Paese. Lo riporta Bbc Persia.

Raisi ha definito “un disturbo” le proteste iniziate in risposta alla morte di Mahsa Amini mente era sotto la custodia della polizia morale. L’agenzia di stampa iraniana degli attivisti per i diritti umani (Hrana) ha stimato oggi che 507 manifestanti hanno perso la vita tra il 27 ottobre e il 5 gennaio durante le proteste. Il numero dei detenuti è compreso tra 14.000 e 16.000.

Il comandante in capo delle forze di polizia iraniane, intanto, ha confermato la notizia dell’uccisione di Saha Etebari, una bambina di 12 anni, colpita dal fuoco degli agenti del regime contro l’auto su cui viaggiava assieme ai suoi genitori nella provincia di Hormozgan. Lo scrive Bbc Persia aggiungendo che è stato emesso un ordine speciale per indagare sulla vicenda.

Potresti leggere

Ucraina, l’esercito russo afferma di aver conquistato la città di Kherson, paracadutisti atterranno a Kharkiv

L’esercito russo ha affermato di avere conquistato la città di Kherson nell’Ucraina…

Boris Johnson “si dimette”, atteso l’annuncio: resterà premier fino a ottobre

Boris Johnson cede. Il premier britannico, secondo quanto riferito dalla Bbc, annuncerà…

Ucraina, continuano l’avanzata delle truppe di Kiev e il ritiro di quelle russe: “Riconquistati oltre 20 insediamenti”

Le forze ucraine hanno riconquistato nelle ultime 24 ore oltre 20 insediamenti…